Che cos’è la Ovodonazione?

È il procedimento nel corso del quale si ricevono gli ovuli di una donatrice, che vengono fecondati in vitro con gli spermatozoi del partner o di un donatore anonimo. Una volta avvenuta la fecondazione, si procede al trasferimento nell’utero della ricettrice di uno o due degli embrioni sviluppatisi in vitro, allo scopo di ottenere la gravidanza.

 

Cosa dovresti sapere sulla Ovodonazione

In Spagna, la donazione degli ovuli è pienamente legale, ai sensi del Real Decreto 412/1996 e delle Leggi 35/1988 e 14/2006. La donazione è ANONIMA.

 

 

Procedimento standard per l’ovodonazione

 

Quando conviene ricorrere all’ovodonazione?

  •  In presenza di una disfunzione ovarica precoce, spontanea o causata da un’operazione chirurgica, una chemioterapia o una radioterapia.
  • Nei casi di malattie genetiche gravi nella madre, ad alto rischio di trasmissione.
  • Insuccesso precedente di altri trattamenti di Procreazione Assistita, o nei casi di risposta insufficiente alla stimolazione ovarica.
  • Ripetuti insuccessi dell’impianto degli embrioni.
  • Età materna avanzata.

 

Gli ovuli possono provenire da:

  • Una donatrice sottoposta a un processo di stimolazione ovarica simultanea con la preparazione dell’endometrio della ricettrice.
  • Ovociti precedentemente vetrificati e provenienti da una donatrice anonima.

 

Preparazione dell’endometrio della ricettrice.

La ricettrice sarà sottoposta a un trattamento ormonale, al fine di preparare l’utero all’impianto degli embrioni. Bisognerà effettuare delle ecografie e assumere dei farmaci, prevalentemente per via orale. Questa fase dura circa un mese e mezzo.

Nel caso in cui gli spermatozoi fossero quelli del partner, si consiglia di congelare (presso FIVMadrid o presso i centri associati in Italia) un campione di seme durante la preparazione dell’endometrio o in qualunque altro momento. Questa pratica semplificherà e sveltirà il processo di donazione.

 

Laboratorio in vitro e coltura degli embrioni.

Una volta donati, gli ovuli verranno fecondati in vitro con gli spermatozoi del partner o del donatore anonimo. Trascorso un giorno, si verifica l’avvenuta fecondazione e si monitora lo sviluppo degli embrioni in tempo reale (time lapse).

 

Trasferimento embrionario.

È un processo semplice, ecoguidato e indolore, e avviene nel corso del terzo o quinto giorno di coltura (blastocisti).
Gli embrioni selezionati (non più di due) sono introdotti nell’utero mediante un’ apposita cannula. L’operazione dura dai 10 ai 20 minuti. Gli embrioni in sovrappiù vengono congelati.

Dopo la fecondazione e dopo lo sviluppo degli embrioni in vitro, uno o due vengono trasferiti nell’utero della donna ricevente per ottenere la gravidanza.